Ricerca personalizzata

sabato 19 aprile 2014

Lasagne al pesto con patate e fagiolini

Per Pasqua avevamo organizzato due bei giorni di picnic alla scoperta dei dintorni di Toulon, avevo in mente torte salate e dolci da mangiare sulla spiaggia o in un bel prato verde...Ecco appunto tutto era ed è rimasto nella mente, perchè ovviamente saranno due giorni di pioggia e, se per caso non lo fossero, il nano numero due ha ben pensato di farsi venire la febbre...
E quindi oggi sono a casa contrariata a ridisegnare piani e menù, scartabella di qua, scartabella di là nel computer ho trovato una ricetta che piace sempre a tutti, ma che non capisco perchè non faccio mai: le lasagne al pesto con patate e fagiolini.



Ricordo che la prima volta che l'ho presentata a Serena se n'è divorata una fetta enorme e non aveva nemmeno un anno! Certo non è una ricetta da mangiare ogni giorno, ma per una Pasqua a casa da riorganizzare all'ultimo momento direi che è perfetta, che dite?



INGREDIENTI
Besciamella da 80g di farina, 80g di burro, 1l di latte, sale, noce moscata e pepe
Lasagne all'uovo 250g
Patata grande 1
Fagiolini 150g
Pesto 1 vasetto
Latte e parmigiano/grana q.b.



PROCEDIMENTO
Preparare la besciamella mescolando prima la farina e il burro, fino a che il composto si scurisca.


Aggiungere il latte caldo, il sale, la noce moscata e il pepe, mescolare poi fino a che si addensa.


Preparare poi la patata e i fagiolini, bollendo in abbondante acqua salata.


Iniziare a comporre le lasagne: sul fondo del teglia mettere un po' di burro e un goccio di latte e poi fare uno strato di pasta.


A questo punto mettere besciamella, pesto, patate tagliate a rondelle, fagiolini e una generosa grattata di parmigiano o grana, come preferite.


Continuare con gli strati fino a che finite gli ingredienti, terminando con besciamella e abbondante parmigiano o grana.
Infornare a 160º fino a che si forma una bella crosticina sopra.



BUON APPETITO!

mercoledì 9 aprile 2014

Torta di bentornato

E alla fine questi quattro lunghi mesi invernali senza il papà sono finiti. Se ci penso adesso mi sembra siano volati, ma vivendoli sembravano davvero eterni.
I bimbi sono ovviamente stati felicissimi di rivedere il loro papà, dopo essere andati a prenderlo siamo andati a pranzo fuori e come sorpresa a casa ci aspettava una torta di bentornato.


Il risultato finale di questa torta mi ha decisamente soddisfatto: inizio a fare sempre meno sbavature (anche se ci sono!) e a sentirmi sempre più a mio agio lavorando la pdz.
Due piccoli appunti: il pan di spagna doveva essere al cacao, ma sfulminata come sono me lo sono dimenticata e, anzi, ci ho pensato ben due giorni dopo averlo fatto! Poi la torta doveva essere rossa, ma il colorante non ha fatto il suo dovere e quindi ecco il perchè del colore rosa.



INGREDIENTI
Per il latte condensato homemade
Latte 250ml
Zucchero a velo 190g
Burro 25g
Aroma

Per la torta
Pan di spagna da 6 uova, 150g di farina 2 150g di zucchero
Latte 250ml
Nesquik 3 cucchiai abbondanti
Mascarpone 250g
Latte condensato 1/2 quantità
Latte di cocco 200ml
Farina di cocco q.b.
Panna 200ml
Penna argentata e pdz per le decorazioni



PROCEDIMENTO
Per il latte condensato homemade ho portato ad ebollizione gli ingredienti e cotto, tenendo ben mescolato per 15 minuti; ho seguito la ricetta di Mysia, usando un po' di aroma panettone, non avendo la vanillina.
Unico appunto: si è addensato troppo cuocendolo 15 minuti, quindi fate attenzione.


Due giorni prima (in modo tale che si seccasse e fosse più facile da tagliare) ho preparato il pan di spagna come sempre, ossia montando per prima le uova con zucchero fino ad ottenere un composto che scrive.


Ho aggiunto poi la farina a cucchiaiate, mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Ho infine messo in forno caldo a 200º fino a completa cottura (controllare con lo stuzzicadente).


Per quanto riguarda la crema al cocco ho semplicemente mescolato il latte di cocco con il latte condensato, aggiunto il mascarpone e poi la farina di cocco a cucchiaiate (5/6ca.) fino ad ottenere un composto sodo.



A questo punto ho tagliato in tre il pan di spagna, bagnato con latte e nesquik gli strati e riempito con la crema al cocco.


Ecco il risultato, tenuto poi in frigo per una giornata.


La mattina successiva ho quindi iniziato la decorazione, innanzitutto montando la panna e coprendo interamente la torta.


Ho poi steso la pdz precedentemente colorata, aiutandomi con lo zucchero a velo e ho coperto la torta.


Per le decorazioni non avevo niente di particolare in mente, se non la scritta. Ho fatto una striscia in bianco per contornare la torta e nascondere le inevitabili imperfezioni sul lato.


Il fiocco poi è nato per nascondere la punta del cuore, sempre un po' ostica. Ho utilizzato uno stampo per ritagliarlo, ne ho fatto prima uno bianco poi ne ho sovrapposto uno rosa.


Infine i cuori: diverse grandezze, due colori sovrapposti ed ecco il risultato.


Infine ecco la foto dell'interno, se mi fossi ricordata di fare il pan di spagna al cacao sono sicura che la torta avrebbe avuto un gusto e un impatto visivo decisamente migliori, ma anche così vi assicuro che ha fatto la sua figura!


BUON APPETITO!

mercoledì 2 aprile 2014

Spinacine homemade

Ormai la primavera è arrivata, prima le mimose irradiavano di giallo le strade, ora è la volta del viola dei glicini e del verde delle prime foglie. È tempo di sporcarsi le mani di terra, di piantare semi, di estirpare erbacce e rendere ancora più casa questo nostro angolo all'estero. E stavolta insieme, ancora una volta dopo un luuuuungo inverno per, spero un bel po' di mesi.
E siccome il marito torna dopo 4 mesi, per qualche settimana mi sa che vi ritroverate un sacco di dolci, dolcini, dolcetti, ricette sfiziose...che un pochino lo dovrò viziare, cosa dite? Quindi per oggi una ricetta semplice, veloce che mi sono divertita a fare con i miei bimbi, io che creavo forme, loro che dalla sedia mi guardavano estasiati e curiosi, ben contenti poi di sbaffarsi quelle forme, che si sono poi ritrovati nel piatto, di spinacine homemade.


Era da tempo che volevo provarle, ma ho sempre pensato ci si mettesse un sacco a farle, invece in meno di mezz'ora era tutto pronto! E poi, che dire? Favolose, io le ho sempre adorate, ma quelle comprate sapevano un po'...come dire...di plastica, ecco ;) questi invece sanno di spianci e pollo!
Io le ho passate in forno, ma se volete si possono anche friggere.



INGREDIENTI
Petto di pollo 500g
Spinaci congelati 300g
Parmigiano o grana 100g
Uovo 1 
Pangrattato q.b.
Olio per friggere o olio d'oliva se le fate in forno q.b.



PROCEDIMENTO
Cucinate gli spinaci in una padella fino a quando l'acqua sarà completamente evaporata


Nel frattempo pulire i petti di pollo e tritarli.


Grattare il formaggio e mettetelo in una terrina insieme agli spinaci, mescolate per bene.


Aggiungete poi il pollo e preparate per panare: sbattete in un piatto fondo l'uovo con un pizzico di sale e pepe mentre in un altro piatto, preferibilmente piano, mettete il pangrattato.


A questo punto preparate le spinacine (io le ho fatte utilizzando delle forme, ma potete benissimo farle con le mani: create una palla e poi la schiacciate fino a farla alta meno di 2cm.
Passate poi la spinacine prima nell'uovo sbattuto, poi nel pangrattato e adagiate in una teglia con carta da forno (o come me un foglio di silicone).



Cuocere in forno caldo 200º per una ventina di minuti, ma ovviamente dipende anche dal vostro forno.
Servite calde con una noce di maionese, ci sta divinamente ;)


BUON APPETITO!

giovedì 27 marzo 2014

Un goûter français: madeleines des îles o meglio dolcetti speziati.

Appena arrivata qui a Tolone mio marito ha conosciuto un francese che era appena rientrato da un'esperienza di due anni con la Marina Italiana, avevano dei figli che avevano imparato l'italiano e volevano mantenere un minimo di contatto con la nostra lingua, così abbiamo iniziato a incontrarci. Hanno ben 4 figli: il più grande ha 6 anni, il più piccolo 5 mesi...sì dei pazzi, che vi devo dire, ma ce n'è molti di esempi di famiglie così sia nella Marina francese, che in quella spagnola.
Anyway, anche in questi mesi di assenza di Elia, io e la moglie, che si chiama curiosamente come me, ci siamo mantenute in contatto e proprio ieri è venuta qui nel pomeriggio con i bimbi. Non potevo esimermi dal fare qualche dolcetto per la goûter e dopo qualche scartabellamento virtuale e cartaceo, ho deciso per una ricetta di madeleines su un libro francese tutto su questi dolcetti o cose simili. Ho scelto una ricetta che sul libro è chiamata madeleines des îles, ma che io ribatezzo come dolcetti speziati.

Image and video hosting by TinyPic


È già la seconda volta che mi capita su un libro francese, le quantità sono sempre molto più di quello che la ricetta segna, ossia con queste quantità dovevano uscirmi 18 madeleines, in realtà me ne sono uscite 18 + altri due stampi di dolcetti, quindi praticamente il doppio.
Per lo stesso motivo, probabilmente la quantità era troppa e in mezz'ora di frigo non si è ben raffreddata e quindi l'effetto termico che porta la famosa gobbetta delle madeleines qui non si è visto.
Detto questo i nani hanno fatto fuori tutti i dolcetti in meno di mezz'ora ed è la sola cosa che conta. Queste son soddisfazioni, no?



INGREDIENTI
Burro 125g
Farina 150g
Uova 3
Zucchero semolato 150g (io zucchero vanigliato homemade)
Vaniglia 1/2 bacca (nella ricetta estratto di vaniglia, che io ho ma è in viaggio con il marito)
Cannella 1 cucchiaino
Noce moscata 1/2 cucchiaino
Lievito 1/2 cucchiaino
Sale un grosso pizzico



PROCEDIMENTO
Sciogliere a fuoco lento il burro e nel frattempo mescolarela farina con la cannella, la noce moscata, il sale e il lievito.


Battere nel frattempo le uova insieme ai semi della bacca di vaniglia fino a che sono belle gonfie e poi aggiungere a poco a poco lo zucchero continuando a montare.

Image and video hosting by TinyPic

Il risultato dev'essere molto gonfio e filante come nella foto.

Image and video hosting by TinyPic

Distribuire negli stampi riempiendo a 3/4 con il composto.


Infornare in forno caldo a 200º e cuocere per una quindicina di minuti. 

Image and video hosting by TinyPic


Lasciar riposare prima di sformare, se volete potete spolverarli con dello zucchero a velo, io non ci sono riuscita: li hanno pappati appena li ho sistemati nel vassoio!


BUON APPETITO!

mercoledì 19 marzo 2014

Curry di merluzzo al latte di cocco con riso basmati speziato

Eccomi di nuovo alla mia routine: archiviato il nostro viaggio alle Seychelles e la settimana dai miei, ho ripreso in mano la nostra vita qui a Tolone con un'energia in più e con la voglia ancora più forte di chiudere per sempre questi lunghi mesi di lontananza. Questa settimana insieme ad Elia in un posto paradisiaco ci ha fatto bene, ci ha permesso di respirare un poco aria di famiglia e di rilassarci godendo di sole, caldo e mare, anche se lasciarlo è stato difficilissimo. Ora manca davvero poco al suo ritorno, ho mille cose da fare che mi tengono impegnata, ma se mi fermo a pensarci mi pare un tempo infinito.
Per il momento focalizziamoci sul diacadadia (giorno dopo giorno) e in particolare sulla ricetta che vi propongo oggi, le foto fanno davvero pietà, ma è venuta così buona che non posso proprio fare a meno di postarvela: curry di merluzzo al latte di cocco con riso basmati speziato.


La cosa divertente è che ho preparato questo piatto poco prima di partire, senza sapere che per una settimana non avrei fatto altro che mangiare riso e curry (sia di carne, che di pesce), essendo questo uno dei piatti della cucina locale seychellese!!
Inoltre grazie a questo piatto e alle ricerche su internet di come cucinare il cabillaud, ho scoperto niente popò di meno che il cabillaud è il merluzzo!! Alla buon'ora!!



INGREDIENTI
Merluzzo (o altro pesce simile) 500g
Limone (succo) 1
Aglio 2 spicchi
Latte di cocco 200ml
Olio q.b.
Curry e curcuma (se piace anche peperoncino e zenzero) q.b.
Riso basmati 250g
Acqua bollente salata q.b.
Spezie a piacere (io ho usato anice stellato, finocchio, chiodi di garofano, alloro e semi di cardamomo)



PROCEDIMENTO
Tagliare il pesce a pezzettoni e metterlo a marinare una mezz'oretta con il succo del limone e la curcuma.


Mettere poi a bollire l'acqua per il basmati  con le spezie e in una padella capiente scaldare l'olio (abbastanza da coprire la superficie della padella). Quando l'olio sarà caldo aggiungere gli spicchi d'aglio, qualche cucchiaio di curry e di curcuma, se piace anche il peperoncino e lo zenzero (io non li ho messi perchè mangiavano anche i miei nanetti).


Lasciare soffriggere qualche minuto e poi aggiungere il latte di cocco.


Dopo aver mescolato aggiungeteci il pesce e nell'acqua, se sta bollendo, mettere il riso basmati.


Lasciar cuocere il pesce senza girarlo troppe volte, altrimenti rischierete di romperlo. La cottura non sarà molto lunga, ma dipende sia dal tipo di pesce che dalla grandezza dei pezzettoni.


Scolare il basmati a fine cottura e preparare il piatto con un po' di riso e un po' di pesce, c'è chi ama mescolare tutto insieme, chi mangiare un po' di uno e un po' dell'altro. Io sono della seconda scuola di pensiero, voi?


BUON APPETITO!

martedì 25 febbraio 2014

Brownies con cacao e nocciole

Ultimamente mi sono pigliata con i dolci stranieri, non so perchè, ho pure comprato un libro sulle torte d'America che appena arrivo a casa dai miei è lì pronto che mi aspetta e me lo sto già pregustando.
Comunque mi sono fissata sui brownies e siccome li volevo con il cacao e non con il cioccolato, gira che ti gira, tutte le ricette che trovavo su internet riportavano la ricetta di Laurel Evans e quindi quella ho seguito, utilizzando però nocciole al posto delle noci, che peraltro lei mette come facoltative, ma che secondo me ci stanno divinamente, anzi completano del tutto la ricetta.
Quindi vabbè, tutto sto preambolo per presentarvi i miei brownies con cacao e nocciole.


Li dedico in particolare alla mia au pair, che li ha letteralmente divorati. Per i miei gusti sono davvero troppo di tutto, nel senso che un pezzettino mi bastava per l'intera giornata, sono ormai poco abituata a dolci cioccolatosi ;)
E, prima di lasciarvi con la ricetta, vi volevo avvisare che per qualche settimana sarò assente, andrò prima a trovare il maritozzo e poi starò una settimana dai miei. Sono molto emozionata perchè finalmente staremo un po' insieme dopo ben tre mesi e poi, bè, lo raggiungeremo niente popò di meno che...alle Seychelles!!! Non vedo l'ora!! E dopo ci saranno ancora quattro settimane di lontananza, ma poi saremo di nuovo famiglia, finalmente!



INGREDIENTI
Burro 150g
Zucchero semolato 250g (di cui 50g del mio zucchero vanigliato)
Cacao amaro 75g
Farina 60g
Uova fredde 2
Nocciole 40g
Sale e lievito un pizzico



PROCEDIMENTO
Sciogliere il burro a bagnomaria.


Aggiungere lo zucchero e il pizzico di sale, sempre rimanendo a bagnomaria.


Dopo aver mescolato aggiungere il cacao e mescolare per bene fino a ottenere un composto ben omogeneo.


Togliere dal bagnomaria e aggiungere un uovo per volta.


Aggiungere la farina setacciata insieme al pizzico di lievito e mescolare per un paio di minuti.


Infine aggiungere le nocciole tritate grossolanamente, non fate come me che le ho quasi polverizzate :(
Mettere nello stampo, che dovrà essere possibilmente quadrato e di 20cm x 20cm.


Infornare in forno caldo e cuocere per una ventina di minuti a 180º.
Nella prova con lo stuzzicadente, quando saranno pronti, dovranno esserci alcune briciole attaccate in modo da ottenere dei brownies con interno morbido e umido.


Una volta tolti dal forno lasciarli raffreddare e poi farli riposare in frigo qualche ora. Tagliare a cubotti e servire, con il thè sono perfetti!


BUON APPETITO!