Ricerca personalizzata

mercoledì 7 agosto 2019

Calamari ripieni in sugo

Ormai questo blog è allo sbando: mesi di silenzio, in cui tra l'altro non ho nemmeno fatto chissà che nuove ricette. Purtroppo la nuova vita romana con i bambini a scuola + sport non lasciano molto tempo libero per seguire come si deve i miei vari progetti online.
Aggiungiamoci poi che quest'anno mi sono complicata la vita con diversi progetti nelle mattine libere e con un nuovo pup@ in arrivo...ebbene sì, ad ottobre saremo in 6 e, per chi se lo chiedesse, assolutamente voluto: siamo proprio pazzi!
Con l'estate i ritmi si sono calmati e quindi riesco a preparare qualcosa di nuovo, caldo permettendo, come questi calamari ripieni in sugo.


Mia figlia mentre li preparavo mi ha chiesto se veniva qualcuno a cena e, alla mia richiesta di spiegazioni, mi ha detto "perché quando fai cose che non fai di solito c'è sempre qualcuno a cena!". La mia risposta è stata: no, ciccina, è che di solito passo il pomeriggio a farvi da taxi ed è già tanto se riesco a imbastire una cena decente, altro che calamari ripieni!!!



INGREDIENTI
Calamari 10
Pomodorini 10
Polpa di pomodoro 400g
Crackers vecchi (o pane raffermo) 2 pacchetti
Capperi dissalati 4
Aglio 1 spicchio
Olio EVO e erbe aromatiche (prezzemolo, menta ed erba cipollina) qb
Vino bianco per sfumare
Uovo (per eventuali polpette con il resto del ripieno) 1



PROCEDIMENTO
Eliminare i tentacoli dai calamari, dopo averli fatti scongelare.
Per chi non lo sapesse, come me, i tentacoli vengono via praticamente da soli schiacciando un po' o tirandoli.


Triturare con il coltello i tentacoli e metterli in padella con uno spicchio d'aglio e olio EVO. Quando iniziano a sfrigolare sfumare con il vino bianco.


Aggiungere poi i pomodorini tagliati in quattro e i capperi.



Nel frattempo passare nel mixer le erbe aromatiche con i crackers o il pane raffermo. Io poi ho aggiunto anche i tentacoli, ma potete anche lasciarli a pezzi più grandi.



Con questo potete riempire i vostri calamari. A me ne è avanzato un po' e ci ho fatto 5 polpette aggiungendo un uovo.


Mettere poi i calamari ripieni nella padella dove avete cotto i tentacoli, con un po' d'olio e quando iniziano a sfrigolare sfumare con il vino bianco.


Aggiungere infine la polpa e le polpette e lasciar cuocere fino a che avrete raggiunto la consistenza del sugo desiderata.



Se come me avete preparato in anticipo, aggiungete un po' d'acqua prima di riscaldare se il sugo si è rappreso troppo.


BUON APPETITO!

giovedì 18 aprile 2019

Spaghetti giapponesi con pollo agrodolce, verdure, bambù e germogli di soia

E ormai anche questo blog sta venendo lasciato nel dimenticatoio...devo dire che questa volta non è solo colpa del poco tempo a disposizione, ma anche della poca fantasia culinaria e non certo mia! I bambini crescono, iniziano ad avere i loro gusti che ovviamente non coincidono e soprattutto non amano cambiare; io per amor loro del quieto vivere, ma soprattutto per il poco tempo a disposizione ripropongo spesso le stesse ricette come pasta con pesto e pomodorini, pesto di zucchine o di carote, se non addirittura con sugo rosso o in bianco, che io sinceramente odio!
Sono pochi i momenti in cui riesco a sbizzarrirmi e mi diverto con piatti etnici questi noodles con pollo e peperoni, oppure come la ricetta di oggi: spaghetti giapponesi con pollo agrodolce, verdure, bambù e germogli di soia.


Questi spaghetti cinesi non sono malaccio, anche se preferisco i noodles, poi il condimento...vabbè de gustibus, ma io lo adoro!
Quando mi ritrovo i prodotti per la cucina cinese al Lidl ne faccio sempre grandi scorte, anche perché ci sono prodotti, come il bambù, non così facili da trovare.



INGREDIENTI
Zucchine 2
Carote 2
Petto di pollo 1kg
Bambù 1 confezione da 330g
Germogli di soia 1 confezione da 330g
Salsa aglio e zenzero 1 cucchiaio
Miele allo zenzero (o anche normale) 1 cucchiaio
Sesamo un paio di cucchiaio
Olio di semi e soia q.b.



PROCEDIMENTO
Tagliare le zucchine e le carote a bastoncino.


Tagliare a listarelle il pollo e metterlo a marinare nella soia insieme al miele almeno per un paio di ore.


Scaldare l'olio e con la crema di aglio e  zenzero.


Aggiungere le verdure, i germogli di soia e il bambù e cuocere a fuoco alto.
In un'altra pentola rosolare il pollo insieme alla sua marinatura.


Prima di aggiungerli, gli spaghetti vanno cotti per un paio di minuti in acqua bollente (non esagerate che altrimenti si incollano tutti) e poi fateli saltare con le verdure, il pollo e il sesamo a fuoco alto per pochissimo, giusto il tempo di amalgamare tutti gli ingredienti


Servire ben caldo.


Aggiungete soia a piacere.


BUON APPETITO!

martedì 18 dicembre 2018

Marmellata di cachi double version

Devo dolorosamente constatare che la mia parentesi come foodblogger si sta pian piano concludendo. Non ho davvero il tempo di mettermi a pubblicare le mie ricette e, sinceramente, con la vita frenetica da trismamma anche fare delle ricette nuove, sperimentare spesso è un'utopia.
Comunque continuo a provare ad esserci e oggi sono qui per darvi un'ideuzza da tenere buona come regalino: marmellata di cachi double version.


Io non sono grande amanti di cachi, mio marito li mangia ma preferisce i cachi mela, l'albero che però abbiamo nel giardino di casa dei miei è sempre molto prolifico e quindi ho avuto l'idea di preparare un po' di marmellate da regalare poi a Natale, personalizzando un po' una ricetta piuttosto classica con degli ingredienti diversi come le noci e lo zenzero.



INGREDIENTI
Cachi 1kg
Mele 2
Zucchero 300g
Zucco di 1/2 limone
Noci una manciata
Zenzero 1 o 2 cm



PROCEDIMENTO
Tagliare la mela e i cachi a pezzetti.


Aggiungere lo zucchero e il limone, poi dividere in due e cuocere in due pentole diverse.


Se volete potete passare il composto per avere una marmellata bella liscia, quando ormai la marmellata è pronta.
Aggiungere in una pentola le noci, nell'altra lo zenzero pelato e tagliato a pezzettini piccoli e mescolare.


Mettere la marmellata in vasetti sterilizzati nel forno e lasciare che si raffreddi; se i vasetti sono buoni dovrebbe formarsi il sottovuoto e la marmellata può essere tenuta in dispensa per svariati mesi.


BUON APPETITO!

mercoledì 24 ottobre 2018

Torta due piani Asterix&Obelix

E prima di cominciare a pensare al prossimo compleanno (che qui li ho fatti in serie, con gli anni e con i mesi!) dovevo assolutamente postare la torta di compleanno per il mio seienne numero due, con lo stesso tema della sorella ma comunque diversa: torta due piani Asterix&Obelix.


All'inizio mi aveva fatto vedere una torta abbastanza semplice, ma poi ha detto che avrebbe voluta averla su due piani, mannaggia a lui mannaggia!!
Quindi una torta su due piani, tema Asterix&Obelix e con una farcitura che non comprendesse cioccolata perché a lui non piace...altro che ristorante! Qui si ordina per bene!



INGREDIENTI
Pan di spagna 1 da 4 uova, 100g farina e 100g zucchero e 1 da 6 uova, 150g di farina e 150g di zucchero
Crema ricotta&pere con 3 pere, 100g di zucchero a velo, succo di mezzo limone, 30g di maizena e 750g di ricotta
Bagna sciroppo di pera e 500ml di panna fresca per ricoprire le torte
Decorazioni in pdz



PROCEDIMENTO
Per la preparazione dei pan di spagna vi rimando a questo link. Li ho preparati entrambi qualche giorno prima in modo da poterli tagliare meglio.
Per la crema ho iniziato a preparare le pere, tagliandole a cubetti.


Ho poi mescolato con il succo di limone, lo zucchero a velo e la maizena.


Infine le ho cotte in padella con un filo di olio EVO:


Le ho cotte fino a quando hanno cominciato a dorarsi


Ho poi trasferito in una ciotola le pere e ho riempito di acqua la padella; quest'acqua verrà usata per la bagna.


Ho mescolato poi le pere con la ricotta e sono passata a farcire le torte.


Per le decorazioni ho usato la pdz e degli stuzzicadenti lunghi


Per sovrapporre le due torte senza rischiare il collasso ho infilato delle cannucce nella torta sotto dove poi ho appoggiato la torta sopra.


Dopo aver ricoperto le torte con la panna montata senza zucchero e con la pdz, ho finito di decorare e messo in frigorifero (la mattina della festa).


Durante la festa sono salita e ho finito di decorare la torta con le decorazioni fatte da me e i pupazzetti di Asterix&Obelix


BUON APPETITO!

giovedì 20 settembre 2018

Pane guttiau con pomodorini

Due mesi dall'ultimo post, tra l'altro il post sul compleanno di Serena e mi ritrovo a scrivere mentre sto preparando la torta per il compleanno di Jacopo! Come al solito le mie estati sono tutto fuorché noiose e il rientro anche peggio, con imbianchini e inizio di tutte le attività.
Ma ora sono tornata e oggi, in questa bigia giornata, voglio salutare l'estate passata postando il nostro must degli aperitivi estivi: pane guttiau con pomodorini.


L'idea è molto semplice, ma gustosa, qui è piaciuta davvero a tutti!
E sotto questa pioggerella autunnale salutiamo l'estate!



INGREDIENTI
Pane carasau 1 confezione
Olio EVO, sale e pomodorini q.b.



PROCEDIMENTO
Un foglio per volta, mettere il pane carasau nella teglia da forno e irrorare con l'olio


Cuocere qualche minuto, fino a che inizia a dorarsi


Tagliare i pomodorini e metterli sulle sfoglie calde e salare


Anche quando si raffredda è buonissimo, ma cercate di non lasciarlo troppo tempo fermo altrimenti si imbeve del succo dei pomodorini e non rimane quindi croccante.


BUON APPETITO!

mercoledì 25 luglio 2018

Torta villaggio di Asterix per i 7 anni di Serena

E per il post di luglio non potevo non inserire la torta che ho fatto per il settimo compleanno di mia figlia, nonché il mio settimo compleanno da mamma (bè si deve festeggiare anche questo no?!). Già dall'anno scorso mi era stato commissionato il tema Asterix, ma solo ultimamente la richiesta si è fatta più precisa arrivando alla torta villaggio di Asterix.


E' stato più complicato cercare di arrivare a comprare le esatte quantità di ingredienti, che fare la torta, dato che trovo molto più facile maneggiare il frosting che la pdz. L'unico problema è stato con la sac a poche con cui avevo cominciato a stendere il frosting, mi è letteralmente scoppiata a causa di un grumetto di cioccolato non sciolto! Poi ho deciso di stenderlo con la forchetta e l'effetto erba è riuscito anche meglio!
Comunque con queste quantità sono andata perfetta, con una piccola mancanza di biscotti per la staccionata, egregiamente "rattoppata" con i biscotti rotti :D Sono la maga dei rattoppi quando faccio queste torte!
Ecco il procedimento per intero.



INGREDIENTI
Pan di Spagna 1 da 10 uova (520g), 260g di zucchero e 260g di farina e 1 da 10 uova (540g), 270g di zucchero e 270g di farina.
Quattro quarti al cacao per 3 casette 4 uova, 100g di cacao amaro, 150g di farina, 150g di zucchero, 250g di burro e 1 bustina di lievito in polvere.
Crema rocher 500g di mascarpone, 250ml di panna fresca, 400g di Nutella e 200g di noccioline tritate
Frosting 500g di cioccolato bianco, 500g di mascarpone, 100g di burro e 100g di zucchero + colorante
Per la bagna latte, regolandosi con il pan di spagna
Per le decorazioni biscotti tipo Togo, biscotti arrotolati, pdz grigia e verde, brillantini azzurri



PROCEDIMENTO
Preparare un paio di giorni prima i due pan di spagna seguendo il solito metodo: gonfiare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto che scrive; aggiungere poi la farina un paio di cucchiai per volta mescolando dal basso verso l'alto.
Infornare a 180° per una mezz'ora, se si scurisce in superficie troppo in fretta coprire con un po' di carta alluminio.


Io, per le casette del villaggio, ho deciso di fare una quattro quarti al cacao alleggerita in zucchero: ho montato il rosso dell'uovo con lo zucchero, ho aggiunto il burro ammorbidito prima, la farina, il cacao e il lievito poi; infine ho montato a neve ferma gli albumi e li ho aggiunti mescolando dal basso verso l'alto per non smontarli.


Dopo aver lasciato riposare la quattro quarti una notte intera, l'ho tagliata formando delle piramidi allungate, che saranno le casette del villaggio.


A questo punto ho potuto creare le mura delle casette in pdz e, già che c'ero ho fatto anche le lettere per il nome e il ponticello.


Il giorno prima della festa ho fatto la crema rocher mescolando il mascarpone con la Nutella e le noccioline tritate, infine ho aggiunto la panna montata cercando di non smontarla.


Per far stare perfettamente i due pan di spagna nel vassoio ho però dovuto tagliare una striscetta di un paio di centimetri a un pan di spagna.
Ho poi bagnato con del latte gli strati e riempito con la crema.


La quantità di crema era perfetta per i due pan di spagna e uno strato ciascuno di crema.


La mattina della festa ho iniziato la decorazione facendo innanzitutto il frosting: ho sciolto a bagnomaria il cioccolato bianco con il burro, ho lasciato raffreddare e poi ho aggiunto lo zucchero a velo e il mascarpone.
Con il frosting senza colorante ho incollato i biscotti tipo Togo alle casette per fare il tetto, il muro di pdz alla casette, le casette stesse alla torta e ho creato il fiume (sperando sembrasse un 7!) che ho poi ricoperto di brillantini azzurri.


Ho poi colorato il frosting con i coloranti verde e blu, ottenendo così il verde dell'erba che ho spalmato con l'aiuto di una forchetta.
Con degli zuccherini di colore grigio e oro ho creato delle stradine.


 Ho poi aggiunto il nome (il colore scelto dalla festeggiata) incollandolo al frosting e messo moooolto delicatamente il ponticello.



 Poco prima del momento torta ho aggiunto i personaggi, la candela e i biscotti per fare la staccionata, memore dell'anno scorso quando li avevo aggiunti un paio d'ore prima e per il momento torta erano tutti mosci.


BUON APPETITO!